HOME | ATTIVITÀ E PROGETTI | ARCHIVIO NOTIZIE

« Indietro

  • Didascalia
  • Riaperta la Chiesa di San Francesco dei Cappuccini a Frascati (RM)

  • L'intervento di restauro ha portato alla luce nuovi affreschi cinquecenteschi
  •  

    Il 25 gennaio 2012, alle ore 18.00, presso il Convento dei Cappuccini di Frascati, ha avuto luogo la cerimonia per la riapertura della Chiesa di San Francesco dei Cappuccini e la presentazione dell’intervento di restauro cui è stata sottoposta.

    Una numerosa folla ha partecipato alla cerimonia che si è tenuta alla presenza del Ministro Generale dei Frati Minori Cappuccini, Fr. Mauro Jöhri, del Vescovo di Frascati Mons. Raffaello Martinelli che ha celebrato il rito eucaristico, e di diversi rappresentanti del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e di Arcus S.p.A., principale sostenitore finanziario dell’intervento.

     

    Il complesso conventuale dei PP. MM. Cappuccini, collocato sulle pendici del monte Tuscolo, nel Comune di Frascati, si presenta oggi come un unico corpo comprendente la Chiesa, il Convento, e la Scuola Internazionale dei Cappuccini. La Chiesa e il primo corpo del Convento che la affianca risalgono alla seconda metà del ‘500, mentre, la parte rimanente degli elementi che oggi costituiscono il complesso, è stata realizzata nei secoli successivi.

     Nell'ambito di un programma di valorizzazione e conservazione che ha interessato l'intero complesso, è stato realizzato questo intervento di restauro, consolidamento e miglioramento antisismico della Chiesa, in tutte le parti che la compongono.

     “Il sostegno di Arcus a questo intervento – ha dichiarato il direttore generale di Arcus Ettore Pietrabissa – si è rivelato particolarmente significativo dato che i restauri e i lavori per il rinnovamento degli impianti hanno portato alla luce nuove interessanti scoperte per quanto riguarda le decorazioni pittoriche della Chiesa.”

     

    Una parte dei lavori, diretti dall’arch. Silvio Salvini, è stata realizzata anche con un contributo della Regione Lazio, Assessorato Ambiente e Sviluppo sostenibile. 

     

     

     

     

     

     

     

     

     

26/01/2012

« Indietro