HOME | ATTIVITÀ E PROGETTI | ARCHIVIO NOTIZIE

« Indietro

  • Didascalia
  • Al via il progetto per il trasferimento della Galleria Sabauda di Torino

  • La nuova sede sarÓ la Manica Nuova di Palazzo Reale
  • Il Presidente di Arcus Ludovico Ortona e il Direttore Generale Ettore Pietrabissa hanno partecipato a Torino alla firma del Protocollo d'intesa per l'intervento sulla Galleria Sabauda

    Lunedì 7 Febbraio a Palazzo Chiablese, a Torino, il Sottosegretario del Ministero per i Beni e le Attività Culturali Francesco Maria Giro e il Presidente della Compagnia di San Paolo Angelo Benessia hanno firmato il Protocollo d’intesa tra il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e la Compagnia di San Paolo. Presenti il Capo di Gabinetto del Ministro per i Beni e le Attività Culturali Salvatore Nastasi, il Presidente di Arcus Ludovico Ortona e il Direttore Regionale per i Beni Culturali e Paesaggisti del Piemonte Mario Turetta .

    L’accordo riguarda il trasferimento della Galleria Sabauda nella Manica Nuova di Palazzo Reale e il conseguente allestimento dell’area espositiva e museale, e il recupero del Castello di Moncalieri. A Moncalieri in particolare verranno restaurati gli appartamenti reali, il parco e gli edifici monumentali del Castello sia nell’ottica di restituirle alla fruizione pubblica allargata sia in vista della destinazione di parte della struttura a ospitare il Centro nazionale del Libro.

    L’importo per la realizzazione del trasferimento della Galleria Sabauda presso la Manica Nuova del Palazzo Reale e il relativo allestimento museale sarà di € 35.108.943 totali per i quali: la Compagnia di San Paolo ha già deliberato un contributo di € 17.000.0000, la ARCUS s.p.a sarà finanziatrice per € 8.000.000 e il Ministero per i Beni e le Attività culturali erogherà la parte restante di € 8.108.000.

    Il Protocollo d’intesa nasce dalla volontà del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e della Compagnia di San Paolo di proseguire la proficua collaborazione che negli anni ha permesso di realizzare progetti importanti e significativi per il territorio piemontese.

02/05/2011

« Indietro